IN GIRO PER MILANO #2 itinerario per due o quattro ruote

Uscita di sicurezza, Milano

L’avevo detto e l’ho fatto, dopo il primo giro di Milano in quad, ci ho preso gusto e ho replicato in questi giorni quando la città è rimasta deserta perché quasi tutti in vacanza, alla scoperta di altre particolarità e luoghi curiosi della mia città, non sto parlando solo di altrettanto interessanti musei e luoghi di cultura bensì anche di posti che hanno qualcosa da raccontare per quello che hanno vissuto o per le leggende che girano attorno ad essi.

Il Bunker di Via Mecenate

Il mezzo e il pilota – ormai ampiamente promossi – per gli spostamenti su Milano sono il quad e Nicola, il nostro itinerario comincia da Via Mecenate, per scoprire un bunker che risale alla Seconda Guerra Mondiale, situato di fianco a dove una volta sorgeva la fabbrica di aerei Caproni, ora qui c’è la sede di una società sportiva di Tennis Tavolo. Purtroppo ho scoperto sul posto che il bunker si trova all’interno della proprietà e il giorno della mia visita il centro sportivo era chiuso perciò sono riuscita solo ad intravederlo, vi consiglio dunque la visita in un giorno in cui il centro è aperto, c’è anche un bar e l’entrata è libera, in modo da riuscire a vedere per intero il bunker, nascosto per bene da sguardi indiscreti da siepi e foglie. Si troverà anche una lapide con i nomi dei dipendenti della Caproni morti durante la seconda guerra mondiale. Si narra inoltre che all’interno del bunker siano stati custoditi i resti di un UFO precipitato in Lombardia… Non ci sono prove a riguardo.

Dopo le mie, allego una foto trovata su internet per farvi vedere per intero il bunker di Via Mecenate:

bunker di via mecenate, milano


bunker - foto di Giorgio Branca

bunker di Via Mecenate, foto di Giorgio Branca

La colonna del Diavolo e la scacchiera misteriosa

Da Via Mecenate, io e il mio pilota ci siamo spostati presso la Basilica di S. Ambrogio, così nota che molti di noi l’hanno visitata quasi sicuramente durante una gita scolastica: edificata tra 379 e il 386 in una zona in cui erano stati sepolti i cristiani martirizzati dalle persecuzioni romane. Basilica insolita per i suoi due campanili e non solo: chissà se durante la gita di scuola qualcuno di noi è stato talmente attento da notare che a sinistra della basilica sorge la Colonna del Diavolo, di marmo bianco con un capitello corinzio in cima e… Due strani fori distanti circa 25 centimetri l’uno dall’altro: la leggenda narra che il Diavolo, non riuscendo a far vacillare la fede di S.Ambrogio incornò la colonna dalla rabbia, lasciando così la sua firma e c’è chi dice anche uno strano odore di zolfo…

Basilica di S. Ambrogio  Colonna del Diavolo, Basilica di S. Ambrogio

Colonna del Diavolo, Basilica di S. Ambrogio  Colonna del Diavolo, Basilica di S. Ambrogio

Ma non finisce qui: sulla destra della facciata della Basilica di S. Ambrogio si trova un dettaglio che intriga parecchi studiosi e curiosi: una singolare scacchiera diagonale formata da quattro caselle per quattro per ogni lato, subito sotto tre linee bianche parallele. C’è chi dice che possa essere correlata alla volontà di allontanare il diavolo e/o forze maligne, il che – stando alla leggenda dei fori sulla colonna – potrebbe avere un senso…

scacchiera, Basilica di S. Ambrogio  scacchiera, Basilica di S. Ambrogio

Basilica di S. Ambrogio

Bombardamenti dal cielo

Spostandoci in Piazza Affari, davanti alla storica Borsa, è cominciata la caccia al tesoro per trovare sul pavimento della piazza il segno esagonale lasciato durante i bombardamenti del 1943 da delle particolari bombe incendiarie di forma esagonale, che avevano lo scopo di penetrare nei fabbricati, da quello che avevamo letto online sapevamo che uno di questi segni era presente proprio in Piazza Affari ma non è stato facile trovarlo, perché quasi del tutto cementato, alla fine abbiamo vinto noi, “l’impronta” degna di nota si trova sul bordo del porticato di fronte alla Borsa, purtroppo l’impronta è stata inspiegabilmente stuccata, quindi dopo la mia foto allegherò quella trovata online per rendere meglio l’idea di cosa era.

Piazza Affari, Milano  impronta esagonale, Piazza Affari - Milano  impronta esagonale, Piazza Affari - Milano


foto di Giorgio Branca

foto di Giorgio Branca

“Murales” storici

il prossimo punto d’interesse si trova all’angolo tra Viale Bligny e Porta Lodovica, il palazzo storico che fa ad angolo e in cui trova sede il noto bar Gattullo si fa notare per qualcosa di molto particolare: ai lati del portone principale, resistono al tempo e alle ristrutturazioni (non so ancora per quanto) due R bianche dipinte su sfondo nero, e delle frecce con la sigla U.S: cosa sono? Segnali che un tempo sono stati più importanti di ciò che possiamo immaginare: in tempo di guerra, la R stava ad indicare l’ingresso dei rifugi antiaerei, mentre frecce e lettere U.S. indicavano le uscite di sicurezza. Proverò ad aguzzare la vista perché pare che qualche altro “murales” del genere regga faticosamente al tempo anche in altre zone di Milano…

Uscita di sicurezza, Milano  R di rifugio, Milano

Uscita di sicurezza, Milano  R di rifugio, Milano

Numeri civici speciali

Sapevate che durante la dominazione austriaca tutti i palazzi importanti di Milano furono attentamente numerati con un ordine particolare? Il punto di inizio era Palazzo Reale per arrivare fino ai Bastioni. Tra ristrutturazioni varie e intonacature, molti sono andati sicuramente perduti ma in Corso di Porta Vigentina il particolare resiste, si trova al numero 5307 …Ops, intendevo al 23!

numeri civici storici - MIlano  numeri civici storici - MIlano

numeri civici storici - MIlano

Stazione fantasma

Nel bel mezzo del controviale tra corso Sempione e via Moscati, a ridosso di un anonimo marciapiede e vicino a un moderno cestino della pattumiera, campeggia nell’erba un “respingente ferroviario”, l’unica prova presente a segnalare che qui un tempo lontano sorgeva una stazione ferroviaria che univa Milano a Gallarate…

c'era una volta...una stazione ferroviaria (milano)  c'era una volta...una stazione ferroviaria (milano)

c'era una volta...una stazione ferroviaria (milano)

c'era una volta...una stazione ferroviaria (milano)

c'era una volta...una stazione ferroviaria (milano) c'era una volta...una stazione ferroviaria (milano)

Il mio secondo giro di Milano in quad si ferma qui, ecco una mappa che segna tutti i posti di Milano visitati che trovate in questo e nel primo giro di Milano in quad, buon divertimento!


un’itinerario più breve per girare Milano in quad e scoprire delle chicche, lo trovi qui

2 Comments

Leave a Comment

tre × 5 =