Copenaghen, con la bici sei il padrone della città

copenaghen

Copenaghen è la capitale della Danimarca ed è collegata dal 2001 alla città di Malmö in Svezia dal Ponte di Øresund, vanto della città.

Città particolarmente organizzata per quanto riguarda gli spostamenti in bicicletta, di fatto il principale mezzo di trasporto. In sostanza: con la bici vai dove vuoi… E se non sei in bici potrai contare su un ottima rete metropolitana che copre in modo efficiente tutta la città.

Copenaghen è piena di parchi, alcuni custodiscono meravigliose serre, in altri sorgono edifici importanti come il Castello di Rosenborg (meta ideale per chi vuole approfondire la storia Danese), o addirittura un parco divertimenti, i Giardini di Tivoli.

La chicca più originale della città è senza dubbio il quartiere di Christiania: una città dentro la città, ovvero la città libera di Christiania: “Un quartiere parzialmente autogovernato che ha stabilito uno status semi-legale come comunità indipendente” (fonte: Wikipedia), ovvero: Christiania è il risultato di quarant’anni di lotte pacifiche, fondata nel 1971 da un gruppo di Hippie che ha combattuto per la loro indipendenza sociale.

I collettivi presenti esercitano attività di ogni tipo: da quelle teatrali a quelle artigianali da cui traggono i profitti per vivere e mantenere la loro indipendenza. La sua via principale è Pusher Street, dove l’hashish viene venduta e consumata (legalmente per la loro giurisdizione) in piccoli chioschetti. Nonostante questo solo le droghe leggere sono consentite, assolutamente vietate le droghe pesanti.

Le cose sono realmente cambiate dal 2011 in poi – a 40 anni dalla fondazione – quando Christiania ha cominciato di fatto ad “acquistare” la sua libertà con il diritto di usufrutto del quartiere occupato e l’autogestione a tutti gli effetti, a condizione che gli abitanti acquistino negli anni attraverso un fondo l’intero complesso residenziale.

Il clima di Copenaghen è molto freddo, in inverno si raggiungono anche i -10 gradi ed è facile trovare laghetti e fiordi ghiacciati attraversati in bici o anche a piedi come se nulla fosse dagli abitanti della città, solo a me sembra una cosa davvero strana?!

 

 

 

Degni di nota:

Statua della Sirenetta (1913): immortalata dall’autore nel momento della trasformazione da sirena a umana è arroccata su una roccia in riva al Mar Baltico con lo sguardo decisamente malinconico. Per vederla bene è preferibile raggiungerla da terra anziché costeggiarla col battello. Non troverete molte indicazioni per raggiungerla (dovete attraversare il parco adiacente): la statua è più amata dai turisti che dai locali.

Giardini di Tivoli: parco di divertimenti nel bel mezzo della città, risalente al 1843

Città libera di Christiania 

Ponte di Øresund che collega Copenaghen a Malmö

Castello di Rosenborg

Strøget: la via pedonale più lunga d’Europa

Museo della birra Carlsberg