fbpx

Mi sono innamorata di Brandon Woelfel, perché? La risposta è nei colori

di Stefania, per gli amici Ahnia
ahnia instagram

Si dice che l’amore è cieco, per me invece ci vede benissimo, semplicemente guarda con altri occhi, gli occhi con cui io ammiro le foto di Brandon Woelfel.

…E chi sarebbe questo Brandon Woelfel?

Brandon Woelfel è un fotografo statunitense, molto giovane e molto popolare sopratutto su Instagram dove ha di gran lunga superato il milione di follower. Io l’ho scoperto per caso attraverso i tanti tutorial che YouTube propone per imparare a fotografare col suo stile, e me ne sono innamorata subito, qui sotto una delle sue tante meravigliose fotografie, sceglierne una mi è risultato quasi impossibile, visitate il suo profilo e non ve ne pentirete:

Un post condiviso da Brandon Woelfel (@brandonwoelfel) in data:


Ci sono degli elementi fissi nella fotografia di Brandon Woelfel che già presi singolarmente incontrano il mio gusto personale: le lucine, gli occhiali grandi con lenti trasparenti, l’uso delle luci al neon che fanno tanti anni ’80, anni in cui abbigliamento e musica hanno fatto la storia. Tecnicamente poi Brandon appiattisce quasi del tutto le ombre in post produzione virando il colore nero a quasi un grigio, e usa sapientemente le fonti luminose artificiali, ho parlato anche io recentemente dell’importanza della luce nella fotografia. Molto probabilmente Brandon è la mia anima gemella in quanto a fotografia, ma c’è di più, c’è qualcosa nello suo stile che mi attrae in modo particolare. Credo di aver guardato tutti i video al momento presenti online dove Brandon Woelfel appare per parlare di sé o per mostrare come fotografa, ho riflettuto a lungo e sono arrivata alla conclusione che il magnete che mi attira verso la sua fotografia non sono gli oggetti vintage che ama usare e che può usare chiunque altro (d’altronde io stessa e chiunque altro a volte li usiamo), bensì sono i colori.

Un post condiviso da Stefania, con H o senza (@stef.ahnia) in data:

Colori e psicologia

Ci sono alcuni significati universali abbinati ai colori che valgono per tutti e in ogni parte del mondo. Aldilà del classico “colore preferito” che ognuno di noi può avere, scegliere un colore invece che un altro potrebbe indicare un nostro particolare stato d’animo o una particolare situazione che stiamo vivendo.

Esiste per esempio un test psicologico dello svizzero Max Luscher per analizzare con metodo scientifico lo stato psicofisico di una persona in base alla sua preferenza per i colori. Per Luscher ogni persona tende al raggiungimento dell’armonia e su questo si basa la sua terapia per curare alcuni disturbi. Per lui per esempio il rosso è legato all’energia vitale, e la percezione di questo colore produce l’effetto eccitante più intenso. Addirittura osservando a lungo il colore rosso, il respiro si fa più veloce e la pressione sanguigna aumenta, e se il grigio invece è “né chiaro né scuro […] è la neutralità più completa”, il verde per Luscher rappresenterebbe l’integrità, la dignità, valori insomma solidi e punti fermi.

Ma la parte più interessante, che mi ha fatto riflettere e capire arriva con l’analisi del colore blu e aggiungiamoci tutte le sue sfumature e varianti, che rappresentano i miei colori preferiti che d’istinto – nonostante io ami altri colori, come il giallo – sceglierei in mezzo a mille: per Luscher questo colore rappresenta sentimenti di serenità e moderazione e osservando a lungo il colore blu scuro, la respirazione si fa più lenta e la pressione arteriosa si abbassa, l’esatto opposto del rosso se vogliamo. Per il pittore Kandinskij il blu richiama lo spettatore verso l’infinito. Pensate a quello che provate davanti a una bella foto del cielo o del mare… E queste sono tutte le sensazioni quasi ipnotiche che ho guardando le foto di Brandon Woelfel.

Un post condiviso da Brandon Woelfel (@brandonwoelfel) in data:

L’uso dei colori nella fotografia di Brandon Woelfel

Analizzando infatti la palette di colori di Brandon, emergono colori freddi che – permettetemi – sono tutto tranne che freddi di sentimenti, anzi. Non credo sia casuale e non credo che questo ragazzo rappresenti un fenomeno passeggero, credo invece che abbia saputo sviluppare in modo eccellente un suo stile personale, una ricerca cromatica che mira dritto al profondo di chi guarda una sua foto abbinata a degli elementi che piacciono senza dubbio alla massa (vedi effetto bokeh).

 

io e Brandon Woelfel anime gemelle 🙂

Un post condiviso da Stefania, con H o senza (@stef.ahnia) in data:

Un post condiviso da Stefania, con H o senza (@stef.ahnia) in data:

Un post condiviso da Stefania, con H o senza (@stef.ahnia) in data:

Potrebbe interessarti anche:

1 commenta

Carol 04/12/2017 - 16:00

Dalle tue fotografie nasce una storia, che rappresenta la tua anima profonda. Complimenti…

Reply

lascia un commento

3 × cinque =

* Usando questo form sei d'accordo nella conservazione dei tuoi dati per questo sito

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza di utilizzo, se continui a navigare assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più