fbpx

Allergia da contatto al nickel, come la combatto con i prodotti giusti

di Stefania, per gli amici Ahnia
ahnia - allergia al nickel

In piena adolescenza ho scoperto – dopo varie peripezie e una diagnosi certa arrivata attraverso un test specifico fatto in ospedale – di avere un’allergia da contatto al nickel.

Nonostante riesca a portare senza problemi gioielli di bigiotteria e argento, personalmente l’allergia al nickel quando si manifesta, lo fa in modo copioso sopratutto sull’area del viso, specialmente intorno agli occhi.

Allergia al nickel, fare di necessità virtù

Questo problema col nickel circoscritto alla zona del viso mi ha portato ben presto ad informarmi sui prodotti di bellezza che usavo quotidianamente, imparando tra le cose a leggere il famoso INCI (l’etichetta sui barattoli che riporta l’elenco degli ingredienti). e aggiungo: anni fa ho cominciato l’avventura da blogger proprio per parlare di prodotti “bio” e attenti agli ingredienti, in qualche modo devo persino ringraziare questo disturbo cutaneo!

[Repost @most.tc] Se avete visto le mie Stories sapete che combatto da anni contro l’allergia da contatto al Nickel e un’arma efficace da avere nel mio beauty è sempre stata la crema lenitiva della Most. Saranno più di 10 anni che la uso, prima di Instagram, prima delle Stories, prima e a prescindere dai social. Per me collaborare con questo brand e scoprire gli altri prodotti oltre ai miei preferiti significa metterci letteralmente la faccia e anche un pezzetto di cuore ❤ …E voi come combattete i vostri problemi di pelle? Quali sono le vostre armi segrete? . . . #most #unionderma #dermaclub #argilline #fondotinta #pellisensibili #loveyourskin #crueltyfree #actbeautiful #bodycare #takecare #beautyroutine #healthybeauty #beautyessentials #personalcare #personalcareproducts #makeupjunkie #makeupmess #makeupaddict #makeupblogger #instabeauty #makeuplover #fotografiasocialFB

Un post condiviso da Stefania, con H o senza ✩ (@stef.ahnia) in data:

Il nickel purtroppo per tutti quelli allergici come me è presente un po’ dappertutto, nel caso dei cosmetici poi, gli stessi macchinari e recipienti che lavorano e impastano i nostri prodotti preferiti contengono e rilasciano nickel. Le diciture “nickel tested” e “nickel free” che alcuni prodotti riportano sulle loro confezioni infatti assicurano che la quantità di nickel presente sia ben sotto quella soglia che potrebbe creare problemi a quelli allergici, non che non ci sia affatto. Proprio per la sua stessa natura di elemento presente in quantità diverse in tantissimi prodotti è possibile quindi che anche un allergico venga a contatto con questa sostanza, e vuoi per cattive abitudini oppure per un semplice sbaglio potrebbe arrivare il momento in cui il danno è stato fatto e i prodotti di cui si ha bisogno non sono più solo quelli “senza nickel” ma anche quelli che ci mettono una pezza alleviando lo sfogo ormai esploso sulla nostra pelle sensibile.

I sintomi dell’allergia da contatto al nickel: prurito, gonfiore e arrossamenti

I sintomi non sono per niente piacevoli e in alcuni casi anche decisamente anestetici. Prima ancora del test fatto in ospedale grazie all’occhio attento di una farmacista, mi era stata ipotizzata l’allergia al nickel e consigliata per questo una marca che da allora non manca mai in casa mia: sto parlando del brand Most che con la sua linea di prodotti da una risposta efficace a diversi disturbi cutanei, tra cui quello al nickel.

Base lavante e Crema lenitiva allo zinco, i miei must have per rimediare ai sintomi dell’allergia al nickel

La base lavante usata come fosse un sapone vi aiuterà a ristabilire la situazione della vostra pelle, applicando subito dopo la crema lenitiva a base di Ossido di Zinco e Magnesio Silicato (maggiori info su questi prodotti le trovate  qui), una pasta decisamente bianca che stesa in quantità sulle zone colpite dallo sfogo lenirà il prurito e il rossore aiutandovi a ripristinare l’equilibrio della vostra pelle in pochi giorni.

Most non è solo una risposta contro l’allergia al nickel ma anche crema emolliente, astringente e un sacco di prodotti adatti a diverse problematiche

Personalmente l’unguento emolliente estremo lo trovo decisamente ricco, forse più adatto al periodo invernale o comunque a pelli decisamente più secche della mia. Se la vostra pelle tutto sommato è “normale” optate per la crema emolliente, si assorbe con facilità e idrata quanto basta, prima del trucco andrà benissimo.

Grazie alla collaborazione con Most ho scoperto l’esistenza anche di una linea make up con le Argilline Color e Argilline Sole, le prima sono una sorta di fondotina mousse molto leggero, non aspettatevi perciò chissà quale coprenza, le Sole invece con una texture che somiglia più a una cipria e che vi proteggerà dai raggi solari riflettendoli letteralmente.

 

P.S. Poter collaborare con i brand che amo è una grossa fortuna ma anche una scelta etica, di questo aspetto per me molto importante ne parlo qui:

Collaborazioni e credibilità: quanto c’è di vero nelle storie che racconti?

 

Potrebbe interessarti anche:

lascia un commento

quattordici + 10 =

* Usando questo form sei d'accordo nella conservazione dei tuoi dati per questo sito

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza di utilizzo, se continui a navigare assumiamo che tu ne sia felice. Accetta Leggi di più